Con il decreto legge del 17 marzo 2020 è riconosciuto un 𝗰𝗿𝗲𝗱𝗶𝘁𝗼 𝗱’𝗶𝗺𝗽𝗼𝘀𝘁𝗮 𝗱𝗲𝗹 𝟱𝟬% 𝗳𝗶𝗻𝗼 𝗮 𝟮𝟬.𝟬𝟬𝟬 € per le spese di sanificazione degli ambienti di lavoro. Approfittane ora e chiamaci subito! 😎 In fondo alla pagina potrai trovare il testo del decreto con il link alla gazzetta ufficiale.

Inoltre, al fine di ripartire al meglio con la “FASE 2” vi forniamo un elenco di dispositivi per la misurazione della temperatura corporea, come misura di contenimento alla diffusione del COVID-19.

Di seguito un PDF gratuito che raggruppa e riassume alcuni metodi di misurazione  che possono essere utilizzati da SUBITO nel tuo luogo di lavoro.

➡️ SCARICA IL PDF ⬅️

Vuoi rimanere sempre aggiornato/a su tutte le nostre soluzioni?
Seguici su facebook: HAWK Antintrusione Residenziale

Per info ulteriori scrivi a: 📭 hawk@apimpiantielettrici.it oppure chiama al 📯 3475780160


DECRETO-LEGGE 17 marzo 2020, n. 18 

Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, 
lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19.
NOTE: Entrata in vigore del provvedimento: 17/03/2020

Art. 64 (Credito d’imposta per le spese di sanificazione degli ambienti di lavoro) 1. Allo scopo di incentivare la sanificazione degli ambienti di lavoro, quale misura di contenimento del contagio del virus COVID-19, ai soggetti esercenti attivita’ d’impresa, arte o professione e’ riconosciuto, per il periodo d’imposta 2020, un credito d’imposta, nella misura del 50 per cento delle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro sostenute e documentate fino ad un massimo di 20.000 euro per ciascun beneficiario, nel limite complessivo massimo di 50 milioni di euro per l’anno 2020. 2. Con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto-legge, sono stabiliti i criteri e le modalita’ di applicazione e di fruizione del credito d’imposta anche al fine di assicurare il rispetto del limite di spesa di cui al comma 1. 3. Agli oneri derivanti dal presente articolo, pari a 50 milioni di euro per l’anno 2020, si provvede ai sensi dell’articolo 126.

➡️Link Gazzetta Ufficiale